Tag Archives: Grotte San Giovanni

L’articolo su Spirito Trail 2019

Anche quest’anno Mau Scilla su Spirito Trail di Aprile 2019 dedica uno spazio al nostro Trail del Marganai.

Si Avvicina il 10 Marzo

Per il Trail del Marganai 2019  sale la febbre. Si parte per la prima volta dal Nuraghe s’omu e s’orcu, rendendo unica anche quest’anno la manifestazione.

Sono in campo tutte le associazioni di volontariato di Domusnovas e di tutto il territorio, nonché la presenza della protezione civile e delle ambulanze per il presidio di tutto il percorso. Confermata la presenza anche del Soccorso Alpino.

Le gare sono 3 per gli agonisti: 55, 30 e 20 Km, a cui si aggiunge la 10 Km non agonistica dove i
partecipanti potranno condividere parte degli stessi percorsi delle gare agonistiche.

Tramite il Consorzio natura Viva Sardegna, si potrà prenotare l’escursione Trekking ai numeri del Trail o al servizio info Point del Consorzio, Emanuela 3480553369.

L’edizione 2019 si preannuncia molto interessante: percorreranno i sentieri del marganai la forte atleta Ewa Majer, già classificatasi prima nel 2018 alla “Bieg 7 Dolin” di 100 km e alla “ Ehunmilak Ultra-Trail “ di 55; per il polacco Bartosz Gorczyca è un ritorno lungo i sentieri sardi, infatti annovera il primo posto 2018 alla Ultratrack Supramonte Seaside 2018 che si corre per i sentieri del Supramonte di Baunei, oltre ad aver vinto alla “ Chudy Wawrzyniec 2018” di 83 km.
Confermata la presenza della Danese Kjaer Harriet, vincitrice del 52 Km del Trail del Marganai edizione
2018.

Sul fronte italiano troviamo Saverio Monti team Valtellina, vincitore lo scorso anno della Valmalenco Ultradistance Trail 2018 di 74 km con un tempo di tutto rispetto, oltre a degli ottimi piazzamenti in altre gare.

Non mancheranno però le sorprese sarde, oltre a Filippo Salaris ci saranno diversi atleti e atlete, tra i quali Stefano Gervasoni, Teodoro Mura, Dario Tuveri e la nostra instancabile Marina Scibilia.

Quest’anno, come novità assoluta in questo genere di gare in Sardegna, si svolgerà l’edizione zero della staffetta lungo il percorso della 55 km.
Sarà suddivisa in due tappe:
– la prima dal suggestivo nuraghe “S’Omu e S’Orcu” sino allo spettacolare Tempio di Antas;
– la seconda prosegue all’interno del villaggio minerario di Malacalzetta, sino all’arrivo in cartiera.

5 squadre massimo, la prima squadra vede come protagonista Lino Cianciotto e Luigia Marini, una novità nella novità un atleta amputato il primo e normodotato la seconda, a conferma che tutti possono correre.

Il Trail del Marganai a Tappe

Se vuoi vivere l’avventura di percorrere a tappe mozzafiato della 55 km, da oggi è possibile.

Il Trail del Marganai, oramai giunto alla quarta edizione, vuole sperimentare nuove modalità per vivere l’avventura del trail running.

La gara sarà suddivisa in due tappe: la prima dal suggestivo nuraghe “Sa ‘omu ‘e s’orcu” sino allo spettacolare Tempio di Antas, la seconda prosegue all’interno del villaggio minerario di Malacalzetta, sino all’arrivo a La Cartiera.
Per questa edizione zero prevediamo un massimo di cinque squadre, alla quale possono partecipare anche gli atleti amputati, purché accompagnati da un atleta normodotato a loro seguito.
La partecipazione prevede una quota di 60 euro a squadra con pacco gara e pasta party, da considerarsi compreso anche per un eventuale accompagnatore.

Abbiamo già una prima squadra. E’ composta da Lino Cianciotto, atleta amputato che al suo attivo ha la partecipazione alla Tot Dret 2018, gara di 130 chilometri che vede come teatro le montagne e le valli valdostane da Grassoney a Courmayeur, e Luigia Marini. 

Si applica lo stesso regolamento delle altre gare competitive, per cui tra le altre cose è richiesta la maggiore età, il certificato medico di idoneità all’attività sportiva agonistica e il materiale obbligatorio.

Per dettagli, candidature o chiarimenti mandate una mail all’indirizzo segreteria@traildelmarganai.org.

Anche quest’anno Trail e Sociale

Il contribuire in una qualche maniera al sociale è uno degli obiettivi che il Trail del Marganai ha sempre cercato di perseguire.

Nelle precedenti edizioni abbiamo dato il nostro contributo sostenendo le associazioni di volontariato che ci garantiscono la sicurezza durante la manifestazione , acquistando e donando al CTO pediatrico di Iglesias dei lettori DVD portatili con relativa dotazione di cartoni animati per i suoi piccoli ospiti, contribuendo all’allestimento dell’area giochi inclusivi a Domusnovas.

In linea con quanto fatto in passato, abbiamo deciso che quest’anno due euro per ogni iscritto saranno destinati a un progetto sociale che a breve definiremo.

Ora spetta a tutti voi, con le vostre iscrizioni, stabilire quale sarà l’importo da destinare al prossimo progetto!

Certificazione ITRA e Corsa Qualificante UTMB 2019

Anche quest’anno abbiamo ottenuto la certificazione dei nostri percorsi da ITRA (International Trail Running Association), l’associazione internazionale che raccoglie gli organizzatori di gare di Trail Running.

E’ un passaggio necessario per due motivi: il primo perché garantisce la qualità delle tracce che vengo sottoposte e la loro qualificazione; gli atleti che hanno necessità di iscriversi a competizioni che richiedono l’aver partecipato in precedenza a gare qualificanti possono utilizzare le nostre, sempre che siano arrivati e siano stati inseriti nella classifica tra gli arrivati.

Il secondo motivo perché avere la certificazione ITRA permette di poter richiedere all’organizzazione dell’UTMB (Ultra Trail del Monte Bianco) di essere inseriti tra le proprie gare utilizzabili come qualificanti.

Come per le edizioni precedenti la nostra richiesta è stata accettata per cui possiamo esporre con soddisfazione il bollino “UTMB Course Qualificative 2019”

Se c’era qualche dubbio, ora non vi resta che iscrivervi!

 

Un muro di belle foto

Dopo tre edizioni il nostro album dei ricordi è ricco di belle immagini.

Immagini di atleti concentrati e spesso sorridenti che ci danno l’energia per organizzare una nuova edizione, l’edizioni 2019!

 

GPS – Mappe – Altimetrie 2019

Sono disponibili le tracce gps, le mappe e le altimetrie definitive per le tre gare competitive dell’edizione 2019 del Trail del Marganai.

 

I percorsi si rinnovano, rispetto allo scorso anno circa un terzo della gara è su un nuovo tracciato. Per ognuna delle tre!

Come anticipato il nuraghe S’omu e s’orcu vedrà la partenza. La base di tutte le operazioni e la zona arrivi è pasta party rimane sempre la sperimentata Cartiera del Consorzio Natura Viva Sardegna.

Cambiano anche gli ultimi chilometri. Da punta San Michele sino all’arrivo il tracciato è nuovo. Nuova discesa e nuovo passaggio attraverso la galleria de Su Passu ‘e su Vagoni, piccola e stretta galleria scavata lungo il sentiero che permetteva di passare sopra la Grotta di San Giovanni trasportando il minerale delle miniere su dei piccoli carri.

Non rimane che iscriversi per godere con noi la giornata di trail il prossimo 10 marzo.

Tante novità al Trail del Marganai 2019  

 

L’appuntamento è per il 10 marzo 2019 a Domusnovas, nel cuore del sud ovest della Sardegna.

Tante le novità per l’edizione 2019 del Trail del Marganai.

Prima di tutto cambiano tutte e tre le distanze per le gare agonistiche: la 55 km sostituisce la 52 km, la 30 km sostituisce la 27 Km e la 20 Km sostituisce la 17 Km.

Nuraghe Sa Dommu 'e s'Orcu

Nuraghe Sa Dommu ‘e s’Orcu

Il percorso  non competitivo di 10 Km rimane invariato sulla distanza ma potrebbe cambiare il suo percorso.

Il punto di riferimento di tutta la manifestazione rimane confermata La Cartiera di Domusnovas del Consorzio Natura Viva, mentre, tranne che per la non competitiva, le gare vedranno il via dal ‘Nuraghe Sa Dommu ‘e s’Orcu’, a circa 10 minuti dalla base.

Per la gara lunga ci saranno modifiche sia sui chilometri prima e sia per quelli dopo il ristoro del villaggio minerario abbandonato di Arenas. Inoltre ci saranno piccole modifiche quando si attraverseranno gli impianti abbandonati di Malacalzetta.

Per terminare, e questo varrà per tutte le gare, cambierà l’ultima discesa, quella che da Punta San Michele portava all’arrivo, e ci sarà il passaggio per il sentiero che attraversa la piccola galleria scavata nella roccia de  ‘Su passu ‘e su vagoni’.

Rimane confermato il passaggio per il Tempio punico-romano di Antas.

Per la nuova gara media di 30 km, oltre alla modifica del punto di partenza già scritto prima, dopo l’ottavo chilometro, raggiunta la località mineraria di Sa Duchessa, si abbandonerà lo sterrato carrabile per prendere un sentiero interno che nell’ultimo tratto di trasforma in single track per ricongiungersi al tracciato che porta a Punta Campu Spina, il punto più alto di tutte le gare.

La distanza competitiva più breve di 20 km condivide con le altre due gare la partenza dal ‘Nuraghe Sa Dommu ‘e s’Orcu’ e la nuova discesa da Punta San Michele e il passaggio a ‘Su passu ‘e su vagoni’.

Come per tutte le altre edizioni, rimane confermata la chicca del nostro trail, ovvero il passaggio per la Grotta di San Giovanni, galleria naturale scavata dall’acqua nella roccia calcarea della montagna.

Noi stiamo facendo di tutto per confermare la fiducia che ci avete regalato le scorse edizioni, a voi non resta che iscrivervi.

Nuraghe Sa Dommu 'e s'Orcu

Il Trail e l’inclusività

Sono passati sei mesi dalla fine del Trail del Marganai ma non ci siamo dimenticati della promessa fatta, ovvero destinare una parte delle quote raccolte per la gara a una iniziativa sociale.

I promotori del trail, ovvero gli scout del Raid Karalis della sezione di Cagliari 24 dell’Assoraider e il Consorzio Natura Viva di Domusnovas avevano deciso di affiancarsi al progetto “Un Muro Contro Le Barriere” dell’Associazione Culturale Francesco Lamieri che con una serie di iniziative a Domusnovas aveva raccolto dei fondi destinati all’acquisto e all’installazione di una altalena inclusiva, ovvero per quei bambini e bambine che sono costretti a spostarsi sulla sedia a rotelle.

Gli ultimi giorni di agosto hanno visto i lavori per l’installazione dell’altalena. La TV Sarda Videolina la scorsa settimana ha trasmesso un servizio sull’iniziativa dell’Associazione Culturale Francesco Lamieri che si può rivedere qui.

Con i 1.200,00 euro raccolti con la terza edizione del Trail del Marganai la settimana scorsa abbiamo perfezionato l’acquisto di due giochi inclusivi da installare in prossimità dell’altalena.

Si tratta di due pannelli, uno è dedicato al gioco del tris, l’altro alla musica.

Sarà nostra cura aggiornarvi quando anche i nostri giochi saranno installati.

Vola Solo Chi Osa Farlo

“Vola solo chi osa farlo”

Domenica 11 marzo, in una giornata di nuvole e pioggia, La Cartiera di Domusnovas ha vissuto la terza edizione del Trail del Marganai.

Per tutti noi è stata il compimento di un altro anno di lavoro e preparazione. Abbiamo finalmente visto concretizzarsi i nostri sforzi.

Ogni anno cambia qualcosa. In questo abbiamo deciso di allungare di alcuni chilometri la gara maestra che da 47 è passata a 52 chilometri e di introdurre un ulteriore percorso non competitivo di dieci chilometri.

I numeri ci hanno premiato, gli iscritti totali sono stati 480, di cui 381 sulle tre gare competitive.

Undici le nazioni presenti: Italia, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Lituania, Lussemburgo, Brasile, Spagna, Perù.

Può sembrare uno sfoggio di finta umiltà, ma vogliamo ringraziare di tutto cuore tutti gli atleti che in questo terzo anno ci hanno voluto regalare la loro presenza.

Se la manifestazione si è realizzata lo dobbiamo a tutti i sostenitori che anche quest’anno hanno creduto in questa giornata di festa sportiva che è il Trail del Marganai.

Lo dobbiamo alla disponibilità e alla grandissima professionalità delle associazioni di soccorso che hanno garantito la sicurezza e la salute degli atleti in gara e di tutte le persone presenti presso la Cartiera.

Lo dobbiamo a tutte le associazioni, gli scaut e le singole persone che hanno garantito il funzionamento dei ristori e dei presidi lungo il percorso. Le nuvole e la pioggia non ha tolto loro il sorriso al passaggio degli atleti.

Veniamo alla gara.

Il podio femminile della 52 km vede prima la danese Harriet Kjaer in 5:45:21, seconda Paola Addari in 6:12:19 e terza Isabella Vidili in 6:34:36.
Il podio maschile della 52 km vede primo Antonio Filippo Salaris in 4:54:31, secondo Dario Tuveri in 5:25:40 e terzo Marco Aresu in 5:36:58.


Il podio femminile della 27 km vede prima Leonarda Cantara in 3:23:05, seconda Gabriella Cappai in 3:43:19 e terza Contu Erminia in 3:43:50.
Il podio maschile della 27 km vede primo Roberto Gheduzzi in 2:29:52, secondo Emanuele Sini in 2:46:11 e terzo Amedeo Aresti in 2:53:25.


Il podio femminile della 17 km vede prima Rosalba Miscali in 2:02:20, seconda Silvia Spanu in 2:02:38 e terza Irene Lucia Sini in 2:04:06.
Il podio maschile della 17 km vede primo Davide Ribichesu in 1:35:36, secondo Davide Manconi in 1:39:01 e terzo Marco Passerò in 1:39:09.

Qui le classifiche complete per le tre gare competitive.

Nella 52 km il tempo finale di Salaris e Tuveri è comprensivo di 20 minuti di penalizzazione comminata dalla direzione gara presieduta dallo scaut Aldo Murtas. Quando ormai mancavano pochissimi chilometri all’arrivo una erronea indicazione ricevuta a un presidio ha di fatto accorciato di circa quattro chilometri la loro gara.

Appurato che non era nella loro volontà, ovvero non c’è stato dolo o malizia nel loro comportamento, la direzione di gara ha deciso di procedere con la penalizzazione piuttosto che con la squalifica.

Per la direzione gara procedere con la penalizzazione anziché con la squalifica non è stata una decisione facile. Si è ritenuto però essere quella più giusta, quella che maggiormente rispettasse la correttezza e l’onestà degli atleti interessati.

Poco prima delle 17.00 anche le scope, Gianni e Lorenzo, tagliavano il traguardo con gli ultimi atleti della 52 km ancora in gara.

Così si concludeva questa edizione del Trail del Marganai.

“VOLA SOLO CHI OSA FARLO” oltre a essere una citazione di Sepulveda è un invito rivolto agli atleti che amano la vita all’aria aperta, la natura e la sfida nel misurarsi su distanze e percorsi impegnativi. E’ una costante sfida per noi organizzatori nel metterci in gioco anno dopo anno in un qualcosa che potrebbe sembrare enorme. Ogni anno raccogliamo con soddisfazione gli incoraggiamenti che riceviamo e impariamo dagli errori che ci vengono segnalati.

Non ci rimane che darci nuovamente appuntamento al prossimo anno, a marzo 2019.

Domusnovas, la Grotta di San Giovanni, Sa Duchessa, Punta Campu Spina, Arenas, le fonti di Pubusinu, Gutturu Pala, Su Mannau, il Tempio di Antas, Malacalzetta, Reigraxius, il Giardino Linasia, Punta San Michele, Su Corrovau, Su passu e su vagoni saranno sempre lì, in attesa di un altro giorno di festa e di sport.

Sappiate che già da domani inizieremo a pensare e programmare quelle che saranno le novità della prossima edizione in quel meraviglioso angolo di natura nel sud-ovest della Sardegna che è la foresta del Marganai.

Ancora un sentitissimo grazie a tutti dal Raid Karalis della sezione di Cagliari 24 dell’Assoraider e dal Consorzio Natura Viva Sardegna di Domusnovas.